La caccia di Halloween – Terza tappa

[Siete riusciti a entrare nella bisca? I nostri cacciatori sì, grazie all’intuizione di Tyler. Eccoci arrivati alla terza e ultima tappa…chi di voi si aggiudicherà la copia di Clover?]

Tre piccoli indiani

La porta si apre in un baleno, e un corridoio appena illuminato si apre davanti a Tyler. Senza esitare, richiama l’amico dal suo nascondiglio: Christian è ammirato da questa prova di intelligenza e nervi saldi. Dove sarebbe, se non ci fosse lui? Probabilmente sul fondo del fiume con un masso legato alla caviglia.

Una volta dentro, i due ragazzi si guardano intorno. Si aspettavano un locale da film di detective, con un grosso bancone e un barman in papillon che agita uno shaker. Invece l’arredamento è piuttosto anonimo: anche i tavoli attorno ai quali i loschi avventori giocano chinati sembrano usciti dal club del burraco della terza età.

Si sentono due pesci fuor d’acqua e sperano che, nel mezzo di quel luogo affollato, fumoso e consunto, la loro presenza non salti troppo all’occhio. Sanno, però, che lì possono parlare liberamente: in un posto del genere, avere traffici con i Raspidi è quasi la normalità. Provano a fare qualche domanda basandosi sull’indirizzo a cui era stata spedita la mail misteriosa, e finalmente qualcuno li indirizza verso una stanza angusta nel retrobottega, dove tre uomini stanno giocando a poker.

Quando li raggiungono quasi non prestano loro attenzione, troppo presi a puntare. Uno di loro tre deve essere il complice del rapitore. Ma chi? Con un timido tentativo di fare la voce grossa, Christian chiede loro se sanno qualcosa di un ragazzo rapito al Clover poche ore prima e della creatura che dovrebbe averlo portato lì. I tre uomini scoppiano a ridere, con nessuna intenzione di collaborare pro bono sotto le minacce di un soldo di cacio come lui.

Christian sta per arrendersi, ma all’improvviso ha un’idea. Da come lo guardano, sembra che i tre lo conoscano di fama…e Christian immagina il perché: hanno sentito parlare dei suoi poteri. È l’ora di fare un piccolo bluff.
“Peccato…con le mie visioni vedo di continuo in anticipo i risultati di corse e incontri. Magari a uno di voi potevano interessare queste informazioni…”
Non c’è tempo nemmeno per la suspense: ha colto nel segno e i tre iniziano ad azzuffarsi accusandosi a vicenda.

Il primo dei tre uomini, Black, dice: “Ehi amico, perché non l’hai detto subito? L’uomo che cerchi è lui, Red, è sempre alle prese con affari loschi…”
Red, però, lo spintona e inizia a urlare: “Tu sei fuori! Io non c’entro nulla, sono stato qui tutto il giorno! È stato Blue, ho sentito che ne parlava al telefono…”
L’ultimo, Blue, si infuria: “Stai zitto! Amico, non lo ascoltare, Red è solo un imbroglione e un bugiardo!”

Attraverso i suoi poteri, Christian percepisce che due di loro sono sinceri, mentre uno sta mentendo. Se solo riuscisse a capire chi…

Sembra che tutti accusino tutti, qui… Ma chi è il complice del Raspide?
Scrivetelo qui sotto e… ci vediamo giovedì con l’epilogo della caccia!

a Rafflecopter giveaway

5 Comments on “La caccia di Halloween – Terza tappa

  1. Questa volta è stato davvero difficile, ma credo di esserci riuscito 🙂 Curioso di scoprire L’epilogo della caccia 🙂

  2. Cavolo, stavo scrivendo la motivazione, ma inavvertitamente è partito invio. Vabbe, lo scrivo qua. Una volta accusato, non solo non accusa nessuno, ma si difende soltanto, in un modo sospettosamente gentile. Sicuramente sbaglio, sono una schiappa come detective, ma queste sono state le mie impressioni!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>