Tre punti da seguire per ridurre le preoccupazioni

Quando un pensiero negativo entra nella nostra mente abbiamo due opzioni: farci sopraffare o imparare a controllarlo

Se hai già cominciato a leggere Il potere del cazzeggio di Srini Pillay, hai senz’altro capito l’importanza delle pause per il nostro cervello.

Con il giusto riposo possiamo essere più creativi e di conseguenza più produttivi. Al contrario, una vita stressata priva di veri momenti di relax, ci rende più lenti e, a lungo andare, ci può sovraccaricare di preoccupazioni.

In ogni caso non è mai troppo tardi per tornare ad essere sereno: basta che ne prenda atto e, come si apprende da un recente studio, inizi a seguire questi tre consigli:

1. Cerca buone notizie

Basta con i pensieri negativi, fermati e comincia a pensare agli aspetti positivi della tua vita. Fai una lista e quando ti capita di pensare ad un determinato punto, sottolinealo con la penna.

2. Sii quello che puoi essere

Supera la tua intolleranza sulle incertezze. Come? Accettando le cose che non puoi controllare. Non si tratta di diventare come il Dalai Lama ma semplicemente di investire il tuo tempo in te stesso, per capire quali sono i tuoi limiti e quali i tuoi punti forti e imparare così a concentrare la tua vita su ciò che meglio rispecchia la tua personalità.

3. Crea un giorno anti-preoccupazioni

Prendi il controllo di una giornata. Per prima cosa, la mattina spendi 5 minuti del tuo tempo per scrivere tre cose che apprezzi di te stesso e della tua vita. Vai in palestra e insieme al personal trainer imposta dei piccoli obiettivi realizzabili da raggiungere. Successivamente vai in ufficio con l’intenzione di fermare il caos causato dalle preoccupazioni. Se vedi che la mente inizia a vagare, prenditi 10 minuti di pausa, rilassati, chiama qualche amico o ascolta la tua canzone preferita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>