Robin Wire

Artista apolide che si firma con uno pseudonimo, lavora sui temi della finzione, del paradosso, del verosimile. Come in questo romanzo, in cui muove le marionette, ingarbugliandone i fili, intrecciandone i pensieri e le emozioni, in un romanzo dalla struttura originale, che scorre veloce e vivo, fin oltre l’ultima riga.